Bilance contacalorie - Fare la dieta è facile!

in BILANCIA DA CUCINA

La parola bilancia non è quasi mai gradita soprattutto quando si tratta di bilance pesapersone. Per affrontare però la paura di dovere pesare se stessi, soprattutto quando è tempo di superare la prova costume, si può ricorrere all’uso preventivo delle bilance da cucina, ancor meglio se quelle dietetiche.
Queste bilance sono fabbricate ormai da qualche anno da molte aziende. Funzionano più o meno tutte allo stesso modo: hanno le caratteristiche di una comune bilancia elettronica digitale e in più posseggono una memoria contenente i valori nutrizionali degli alimenti di uso comune.

Puoi memorizzare le calorie dei tuoi alimenti

Ad ogni alimento è associato un codice, che può essere richiamato tramite un’ apposita tastiera. Una volta pesato l'alimento, si digita il codice e la bilancia visualizza le calorie e gli altri valori nutrizionali dell'alimento.
Tramite una funzione di memoria è possibile memorizzare i valori calcolati, che potranno poi essere sommati a quelli di altri alimenti pesati in seguito. Nelle bilance più moderne la memoria non si cancella quando la bilancia viene spenta, consentendo un controllo sul lungo periodo, per esempio durante tutta la giornata, delle calorie assunte.
Utilizzare una bilancia dietetica è semplice quanto usare una comune calcolatrice, ma per essere uno strumento veramente efficace deve possedere alcune caratteristiche che purtroppo non tutte le bilance hanno.
Una bilancia misura calorie deve per esempio consentire di calcolare le calorie delle proprie ricette e di interi pasti, progettare piani alimentari giornalieri, calcolare la ripartizione di carboidrati, proteine e grassi e non solo delle calorie e controllare l'introito di altri parametri importanti, come il colesterolo e le fibre.

Puoi pianificare il tuo consumo di calorie giornaliero

Le due caratteristiche inoltre che rendono la bilancia veramente utile sono l'inserimento manuale del peso e il numero di alimenti presenti in memoria.
Il primo consiste semplicemente nella possibilità di inserire manualmente il peso degli alimenti, senza essere costretti a metterli sulla bilancia e pesarli materialmente.
Associando questa funzione a quella di memoria e di somma, si può utilizzare la bilancia per calcolare calorie e valori nutrizionali di una ricetta, di un pasto o addirittura di un intero piano alimentare giornaliero.

Il numero di alimenti presenti in memoria poi non deve essere troppo basso né troppo alto. Il database dell'INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca sugli Alimenti e la Nutrizione) contiene circa 750 alimenti ed è sufficientemente esaustivo, ovvero comprende tutti gli alimenti che un italiano assume abitualmente.
Nelle bilance che contengono 400-500 alimenti spesso è difficile trovare alimenti particolari, ma che possono essere comunque presenti sulle nostre tavole.
D'altro canto, le bilance che contengono migliaia di alimenti comprendono moltissimi piatti pronti, i quali però presentano una variabilità tale da rendere inutile l'utilizzo dello strumento. In parole povere, un piatto di pasta al ragù può avere dalle 400 alle 1000 kcal: se la bilancia ha in memoria il valore 500 e invece il nostro piatto ne ha 700, commettiamo un errore che rischia di vanificare ogni sforzo di dimagrimento.
Inoltre va sottolineato come un numero eccessivo di alimenti renda difficile la lettura delle tabelle, che diventano voluminose e di difficile gestione.


Ultimo aggiornamento: 23/09/2017 alle 06:25. Tutti i prezzi sono aggiornati quotidianamente.