Cappe da cucina - Regole e standard di sicurezza

in CAPPA DA CUCINA

Secondo la legge italiana 46/90, che regola le norme per la sicurezza degli impianti, la presenza di una cappa di aspirazione negli ambienti in cui è presente un piano di cottura è obbligatoria. Se il piano di cottura è di tipo tradizionale a gas, oltre alla cappa aspirante, deve essere presente anche una presa d’aria per la ventilazione, ricavata su una parete perimetrale e protetta dall’interno e dall’esterno con una griglia e le cui dimensioni non siano mai inferiori a 10 cm2.

E' necessario il sopralluogo di un tecnico prima dell'installazione

Quando acquistate una cappa, di qualsiasi modello, da rivenditori autorizzati, assicuratevi come prima cosa che sia certificata dall'Istituto Italiano del Marchio di Qualità (IMQ). Questo marchio posto sugli elettrodomestici certifica che il prodotto abbia superato le verifiche non solo costruttive ma anche di funzionamento; è inoltre garanzia del fatto che tutti i suoi componenti siano stati realizzati nel pieno rispetto delle norme e montati a regola d'arte. Infine esso assicura che durante il suo funzionamento, in caso di guasti imprevisti, non si creino situazioni di pericolo.
E’ necessario quindi che prima dell'installazione della cappa, un tecnico effettui un sopralluogo e inoltre che questa venga sottoposta periodicamente ad adeguati interventi di manutenzione per accertarne la sicurezza.
Spesso, infatti, la cappa viene collegata in maniera fissa alla rete elettrica, cioè senza un interruttore che permetta di isolarla. In tal caso è importante che ci sia, a monte del collegamento, un interruttore che permetta di interrompere la connessione elettrica per consentire di compiere le operazioni di pulizia e manutenzione.
Viceversa, occorrerà disconnettere l'interruttore centrale.

Distanza dal piano di cottura e allaccio alla canna fumaria

Tra le misure che il tecnico valuterà per calcolare la corretta dimensione e portata della’ apparecchio da installare ci sono l’altezza del soffitto e il volume della stanza, necessarie. Dalle le dimensioni del piano cottura dipenderà la larghezza della cappa e la distanza tra piano e cappa, che deve essere di almeno 65 cm di altezza per un piano cottura a gas e 75 cm per quello elettrico.
Bisogna ricordarsi che la cappa aspirante va collegata a una canna fumaria apposita, e non a quella collettiva alla quale sono collegati altri apparecchi come stufe o caldaie.
Completata l’installazione, dovrete controllare in presenza del tecnico, che tutto funzioni correttamente, che le funzioni aspiranti e/o filtranti e luci si azionino correttamente, e verificare la stabilità del collegamento tra tubo e foro d’uscita dell’aria. Infine, il tecnico vi rilascerà la Dichiarazione di Conformità alla normativa vigente, relativa alla cappa appena montata.

Per un uso corretto e sicuro

L’istituto IMQ consiglia di non lasciare la cappa e il fornello accesi contemporaneamente in assenza di pentole, onde evitare che la fiamma possa provocare un incendio, e di accendere la cappa a velocità più bassa nel momento in cui s'inizia la cottura, per non creare umidità che possa bloccare l’aspirazione corretta dei fumi.
Suggerisce poi di procedere ad una corretta manutenzione e pulizia, di far intervenire per riparazioni un tecnico specializzato, di lasciare in funzione la cappa per qualche minuto dopo aver spento il fornello per eliminare fumi residui e di chiudere la finestra quando l'apparecchio è in funzione.


Ultimo aggiornamento: 22/11/2017 alle 13:56. Tutti i prezzi sono aggiornati quotidianamente.