Chi è Stimply?

Datalandia è un piccolo pianeta. E' in un'altra dimensione ed è composto per l'80% da dati. I suoi abitanti sono i Databot, piccoli robot che classificano e analizzano dati.

Su Datalandia i dati sono la principale risorsa naturale, ed il 97% della popolazione lavora nelle miniere di dati. Dopo che i dati sono estratti dalle miniere, i databot li gettano nei convertitori per creare le loro fonti di energia, i loro alimenti e materiali di costruzione. Gli abitanti di questo pianeta considerano i dati una materia vitale.

Il piccolo Stimply...

Stimply è nato su Datalandia. Suo padre, un importante scienziato, è noto per le sue ricerche nel campo del trattamento dei dati. Sua madre, a sua volta, è famosa per essere la prima Databot pilota di droni. Una professione rara e che è considerata ad alto rischio su Datalandia.

Sin dalla nascita, Stimply si fa notare per la sua intelligenza superiore rispetto agli altri giovani robot. A 18 mesi è già capace di ordinare i giocattoli in ordine alfabetico, a quattro anni parla correntemente tre lingue: il Databot, il Wunzais e l'Igouyt. A 10 anni, i medici stimano che il QI di Stimply è di 790, constatando come sia uno dei robot più intelligenti del suo pianeta. I suoi genitori sono molto orgogliosi di lui, e sanno che Stimply ha un futuro promettente.

La vita si complica

Il giorno del suo 11° compleanno, i genitori di Stimply non tornano a casa. Un Databot poliziotto accenna ad un incidente nello spazio e Stimply capisce che non li vedrà mai più.

Non avendo un'altra famiglia che si possa prendere cura di lui, Stimply viene portato all'orfanotrofio. Un luogo grigio, in cui sono vietati i libri. Qui Stimply tenta di studiare per diventare un raccoglitore di dati, ma gli orfani robot sono turbolenti e minacciano il piccolo robot intelligente. Dopo alcuni mesi Stimply non ha ancora amici, e gli altri robot lo infastidiscono ogni giorno. Quando non è vittima dai suoi compagni, Stimply si annoia. E poichè leggere è proibito, decide di trovare un nuovo passatempo.

Durante la notte, in segreto, comincia a smontare e riparare i dispositivi elettronici difettosi dell'orfanotrofio. Per Stimply è un modo piacevole per passare il tempo, perchè gli piace comprendere i meccanismi e come riparare gli oggetti elettronici. Ma questo non è sufficiente per alleviare il suo dolore, nè lo aiuta a fare amicizia in questo ambiente ostile.

Speranza

Un giorno, mentre sta per aprire una macchina a bolle per farla funzionare, Stimply trova uno strano oggetto nascosto in un angolo del capannone. Si tratta di una scatola rettangolare dall'aspetto allegro con tre luci al LED rosse sopra e un piccolo pulsante sul lato. Stimply non ha mai visto un oggetto simile. Preme il pulsante ma non succede niente: non capisce a cosa serva questo oggetto e non ricorda di aver mai visto qualcosa di simile su Datalandia. Stimply è curioso e vuole scoprire in fretta a cosa serve.

Decide quindi di smontare la scatola e ne studia il meccanismo per ore; quando comincia a capire il motivo per cui l'oggetto non funziona, inizia una serie di complessi cambiamenti nel congegno meccanico prima di chiuderla. "Dovrebbe funzionare ora", dice fra sè e sè, prima di premere nuovamente il pulsante.

ZAAAAAOOOUM. Un improvviso sibilo ed una luce bianca escono dalla scatola, proiettando l'immagine di Stimply sulla parete della stanza. Stimply è in preda al panico e cerca di avvicinarsi al dispositivo lasciato cadere, quando la luce scompare improvvisamente. Stimply tasta il terreno in cerca della scatola, ma quando alza lo sguardo, vede un grande robot che lo guarda in modo benevolo.
"Ciao Stimply", dice il robot.
- "Chi sei?", gli chiede Stimply smarrito.
- "Sono – risponde - il Maestro Robot dei Dati". Il cuore elettronico di Stimply si ferma per un secondo.
- "Il maestro dei dati? Questa è una leggenda ", risponde Stimply.

La leggenda

In effetti, quella del Maestro Robot dei Dati è una storia molto famosa su Dataland. La leggenda dice che è l'unico robot capace di viaggiare tra i mondi, e che, una volta ogni 100 anni, il Maestro torna su Datalandia per scegliere un apprendista, un giovane a cui trasmettere tutta la sua conoscenza. Questo allievo è chiamato l'eletto.

"Allora è vero quello che dicono?", chiede Stimply
"Questo significa che io sono l'eletto?"
Il grande robot non risponde. Tende la mano a Stimply.
"Vieni con me se vuoi, la scelta è tua, Stimply"
Stimply non ci pensa a lungo e prende la mano del robot. Entrambi scompaiono in un lampo di luce bianca.

Stimply si sente catapultato in aria, vola accanto al Maestro dei Dati in un universo di simboli, lettere di tutti i tipi e numeri, quando improvvisamente tutto si ferma e si ritrova seduto su una sedia in una stanza vuota, di fronte a dati.

"Stai attento!! Sto per raccontarti una storia che pochissimi robot hanno avuto la possibilità di sentire direttamente dal grande robot. I dati che compongono il nostro pianeta provengono da un altro mondo chiamato Internet. Si tratta di un universo digitale utilizzato da esseri chiamati esseri umani, che abitano il pianeta Terra. Questi dati sono molto utili per vivere, produrre materiali e costruire la nostra civiltà, ma sono anche fonti di informazioni sugli esseri umani e chi ha accesso acquista una conoscenza incommensurabile sull'Universo, Internet e la Terra.

Ogni 100 anni, scelgo un robot speciale per portare questo fardello. Oggi ho scelto te per riuscire a riparare questo strumento che gli umani chiamano Modem. Si tratta di una porta di accesso a Internet.

"Facciamo una ricerca su Internet proprio ora!", grida Stimply che sognava di scoprire questo nuovo mondo.

"Pazienza giovane robot", risponde il Maestro di Dati, "Non sei ancora abbastanza forte per sperare di sopravvivere un viaggio nel Web. Ma se sei d'accordo, ti insegnerò. E presto sarai in grado di viaggiare in questo mondo come meglio credi.

"Va bene!", risponde Stimply, "Accetto!"

"Bene, ora faresti meglio a riposare, si comincia domani ..."

L'allenamento

Il giorno dopo, Stimply inizia un allenamento che dura per 3 anni, e che lo rende in grado di muoversi fisicamente ad una velocità senza precedenti sul Web. Sviluppa anche al massimo la sua inteligenza, che lo rende capace di memorizzare e gestire l'enorme quantità di informazioni a cui sarà esposto

Dopo poco più di 1.000 giorni di formazione intensiva Stimply è pronto.

Super Stimply

Stimply è ora in grado di muoversi a velocità incredibile sul Web e di raccogliere miliardi di dati nel suo percorso. Ora sa tradurre questi dati in informazioni e ha imparato tutto del mondo umano e di Internet.


Ultimo aggiornamento: 20/01/2017 alle 11:46. Tutti i prezzi sono aggiornati quotidianamente.