Griglia, i segreti per una cottura sana e saporita

in GRIGLIA ELETTRICA

La cottura alla griglia è il simbolo delle serate con gli amici e il ricordo dei vecchi e buoni sapori di un tempo.
Nonostante però questo tipo di cottura possa sembrare salutare per il quasi nullo utilizzo di condimenti, in realtà può avere effetti opposti se non si seguono i comportamenti giusti.
La cottura alla griglia elettrica o al barbecue, infatti, avviene ad elevate temperature, e questa modalità può provocare la formazione di sostanze cancerogene dannose per la salute, specie quando si grigliano carni o alimenti ricchi di grassi.

Gli esperti dell’istituto alimentare di Boston hanno condotto studi sul barbecue e hanno individuato che alcune sostanze che si producono cuocendo alla griglia sono direttamente collegate ai tumori. Oltre a questo aspetto, durante la grigliatura i grassi tendono a gocciolare e quindi a bruciare sulla griglia generando del fumo che è ricco di composti dannosi che propagandosi si depositano sugli alimenti. Anche questi sono stati collegati a un rischio maggiore di sviluppare differenti tipi di tumori: allo stomaco, al seno, alla prostata e al colon.

Controllo cottura, meglio premere la carne con il polpastrello

Rinunciare completamente alle grigliate però non è la soluzione più giusta, né la più realistica, dato che questo tipo di cottura, realizzata spesso in estate e all’aperto, è sinonimo di amici e parenti. Gli esperti ci suggeriscono quindi di utilizzare questa cottura massimo tre volte al mese e seguendo alcuni accorgimenti.

Non è corretto per esempio praticare una piccola incisione al centro della carne per capire il grado di cottura, bisognerebbe invece utilizzare un termometro a sonda che va inserito nel punto centrale del cibo.
Il sistema più utilizzato comunque è la prova tattile: premete la carne con il polpastrello e valutate la sua elasticità con buona approssimazione per stabilirne il grado di cottura.

La temperatura ideale per la cottura varia in base al tipo di carne. Se preferite una cottura al sangue, questa sarà abbastanza veloce e la temperatura giusta sarà di 50 °C. Per una carne ben cotta, la cottura sarà lenta e prolungata a circa 70 °C.
Anche per quanto riguarda il pesce questa varia e per riconoscerne la cottura occorre verificare se la carne si stacca dalla lisca.

Distendete i cibi solo quando la griglia è calda

Per un corretto utilizzo della vostra griglia, poi, è bene leggere con molta attenzione il libretto di istruzioni allegato, che oltre al buon uso di questa, suggerirà anche ricette e tempi di cottura.

Dapprima la griglia va collegata alla rete elettrica e, una volta premuto il pulsante di accensione, attendete che la superficie di appoggio sia calda prima di porvi sopra gli alimenti. Questo eviterà le fastidiose attaccature che possono comunque essere minimizzate anche spennellando con olio la griglia.
Dato che i vari cibi richiedono poi un diverso grado e una differente intensità di cottura, sarà necessario regolare la temperatura grazie al termostato.
Ricordate di posizionare la griglia su una superficie stabile e soprattutto lontano da oggetti che potrebbero facilmente prendere fuoco e di procedere con la pulizia della stessa dopo che essa sarà completamente fredda.


Ultimo aggiornamento: 22/09/2017 alle 06:12. Tutti i prezzi sono aggiornati quotidianamente.